Studio di griglia

La griglia è una delle basi del graphic design e consiste nella progettazione di un sistema di guide con lo scopo di ingabbiare gli elementi visuali e tipografici in una struttura che ne determini un aspetto armonico e funzionale.

Come si fa?

Nel web design, con lo sviluppo della tecnologia responsiva che permette la declinazione degli stessi contenuti sulle varie risoluzioni video esistenti, lo studio della griglia ha acquistato ancora più importanza. Si tratta di creare un sistema matematico di colonne che permette di posizionare in modo corretto e ottimale gli elementi che compongono il contenuto.
Vi sono diverse risorse su internet che propongono sistemi di griglia collaudati che possono essere utilizzati dai visual designer e dagli sviluppatori per costruire il prodotto finale.
Un sistema di griglie è composto da un numero variabile di colonne, separate tra loro da uno spazio chiamato gutter, che concorrerà a definire gli spazi bianchi e vuoti una volta inserito il carico di contenuto che può essere anche molto complesso e ricco di tinte e gerarchie tipografiche differenti.

Perché si fa?

Senza utilizzare un sistema di griglie ottimale per il progetto in corso, si rischia di produrre un artefatto web che non risulterà proporzionato, esteticamente corretto e soprattutto funzionale. In ottica responsiva, lo studio preventivo di un sistema di griglia permette di avere una guida in merito alla disponibilità di spazio durante la discesa verso i breakpoints inferiori.

Cosa si ottiene?

Con lo studio della griglia si ha la garanzia di iniziare il progetto nel migliore di modi, in modo tale da iniziare a progettare avendo piena consapevolezza degli spazi a disposizione e di avere una guida di base per poter organizzare gli elementi in pagina in modo corretto e proporzionale.

Argomenti correlati: | | | | | |